Comunicati dell'Ufficio stampa

Giornata della madrelingua, ricerca di parole simili in diversi idiomi

Iniziativa del Servizio per l'integrazione in vista della Giornata della madrelingua per individuare parole simili nelle diverse lingue. I primi 200 ad inviare un contributo ricevono una t-shirt.

Il logo della Giornata della madrelingua

In vista della Giornata UNESCO della lingua madre il Servizio di coordinamento per l’integrazione organizza un'iniziativa per coinvolgere i cittadini nell'individuazione di parole appartenenti a idiomi diverse che presentano una somiglianza tra loro. Dal momento che la metà di tutte le lingue parlate nel mondo è minacciata di estinzione, il 21 febbraio l'UNESCO commemora l'importanza della lingua madre come espressione dell'identità culturale e del multilinguismo come chiave della comprensione e del rispetto reciproco. In collaborazione con le scuole, le associazioni interculturali, i centri giovanili, le biblioteche, i comitati e le agenzie per l’educazione permanente e tutta la popolazione interessata, il Servizio di coordinamento per l’integrazione raccoglie dunque parole appartenenti a lingue diverse che siano somiglianti fra loro o che richiamino esplicitamente un’altra parola in lingua italiana, tedesca o ladina (per es.:  wino in polacco = vino in italiano; Musse in arabo = Messer in tedesco).

Queste parole devono essere scritte nella lingua originale, tradotte in italiano, tedesco o ladino ed eventualmente può essere spiegato da dove derivi la parola. Inoltre, devono essere messe in relazione con la parola simile italiana, tedesca o ladina e la pronuncia deve essere registrata in un file audio o video che può contenere anche spiegazioni aggiuntive. "Obiettivo del progetto è rendere visibile le molteplici lingue presenti sul territorio altoatesino, riconoscere l’importanza di tutte le lingue e di tutte le lingue materne e divenire consapevoli delle somiglianze, seppur piccole, che esistono tra idiomi apparentemente molto lontani", spiega Daniela Zambaldi, coordinatrice del progetto.

I contributi devono essere inviati via mail, insieme al modulo che si trova sul portale web della Provincia dedicato all'integrazione, entro lunedì 1 febbraio 2021 in formato word o pdf, oppure sotto forma di file immagine e video a coordinamento-integrazione@provincia.bz.it. I contributi raccolti saranno valutati in collaborazione con l’Ufficio Servizio giovani, prima di essere pubblicati su www.provincia.bz.it/integrazione. Le prime 200 persone che invieranno il loro contributo, riceveranno in regalo una t-shirt (taglia M o L) della campagna di sensibilizzazione al plurilinguismo #multilingual! La maglietta dovrà essere ritirata presso il Servizio di coordinamento per l’integrazione di via Andreas Hofer 18, a Bolzano.

ASP/jw/fgo

Galleria fotografica