Comunicati stampa

Approvata residenza per persone con gravi disturbi del comportamento

La Giunta provinciale ha creato i presupposti perché la prima struttura residenziale socio-sanitaria per persone affette da gravi disturbi comportamentali sia accreditata dal 1° luglio.

In Alto Adige si avverte da tempo la necessità di servizi socio-sanitari specializzati per persone con disabilità cognitive e gravi disturbi comportamentali. Sulla base di un progetto pilota durato diversi anni, la Giunta provinciale ha creato oggi (28 giugno) le condizioni per poter accreditare i servizi socio-sanitari di ricovero per persone con disabilità e con gravi disturbi comportamentali. Su proposta dell'assessora, Waltraud Deeg, l'esecutivo ha approvato le linee guida sulla base delle quali saranno accreditati tali servizi destinati a persone con esigenze di assistenza continua e di cura.

"Ora possiamo portare l'assistenza alle persone affette da disabilità cognitive e gravi disturbi comportamentali presso la struttura "Jesuheim" di Cornaiano, che è stata adottata come progetto pilota nel 2018, accreditando la struttura residenziale a carattere socio-sanitario come tale e rendendola un'offerta fissa nel panorama dei servizi sociali e sanitari", sottolinea l'assessore provinciale al Sociale. 

Le esperienze della fase pilota, durata diversi anni, sono state utilizzate per definire i requisiti del personale dedicato all'assistenza sociale e sanitaria. Le persone in carico ricevono una cura mirata e multidisciplinare durante il periodo di degenza. L'obiettivo è quello di consentire il ritorno alla struttura o al servizio di provenienza con una terapia socio-sanitaria adattata e individuale. "Con questa nuova offerta possiamo evitare i ricoveri ospedalieri, consentire alle persone con disabilità di rimanere nel tessuto sociale e, soprattutto, garantire una migliore qualità della vita", sottolinea l'assessora Deeg. 


Vai alla versione originale del comunicato per visualizzare eventuali immagini, documenti o video correlati

ASP/jw/ses