Comunicati stampa

Promozione dei media locali: approvati i nuovi criteri

La Giunta provinciale ha approvato i nuovi criteri che utilizzerà in futuro per finanziare radio e televisioni locali e portali di informazione.

Le imprese di comunicazione locali possono richiedere i contributi provinciali con effetto immediato fino al 31 luglio 2022. La Giunta provinciale ha approvato oggi (28 giugno) i nuovi criteri per il finanziamento dei media locali su proposta del presidente, Arno Kompatscher, dando così il via all'accoglimento delle richieste. I nuovi criteri sono finalizzati all'applicazione della legge provinciale "Norme sulle comunicazioni e provvidenze in materia di radiodiffusione" (n. 6/2022), in vigore dal 7 giugno.

"Il mondo dei media, anche quello dell'Alto Adige, riflette i rapidi cambiamenti in atto nella società in tutto il mondo", ha spiegato oggi il presidente Kompatscher. Per questo motivo la legge provinciale sui media, che ha lo scopo di promuovere la qualità e la pluralità nel mondo dell'informazione, è stata rivista e adattata diverse volte. "Nella revisione più recente è stata prestata particolare attenzione ai portali di informazione e ai forum online, canali in cui vogliamo rafforzare una cultura di confronto rispettoso", ha sottolineato Kompatscher. "La novità riguarda anche la diffusione di musica legata all'Alto Adige, che sarà tenuta in maggiore considerazione grazie a finanziamenti più sostanziosi", ha informato il presidente della Provincia.

In base ai nuovi criteri, le stazioni radiotelevisive e i portali di informazione locali che producono e trasmettono notizie e programmi di interesse territoriale e informazioni di protezione civile, servizio meteorologico e traffico, oltre che nell'interesse della salute pubblica, possono ancora richiedere i finanziamenti provinciali. La novità è che in futuro saranno escluse dai finanziamenti le imprese di comunicazione che trasmettono più del 10% dei contenuti riferiti a e-commerce o televendite. Contestualmente sarà ridotto il contributo per i portali online di aziende che gestiscono anche un organo di stampa o un'emittente radiofonica o televisiva locale: in questo caso il portale online riceve una sovvenzione massima del 70% del numero totale di punti calcolati. 

Il presidente ha anche sottolineato che i numeri di visitatori giornalieri superiori a 100.000 non verranno presi in considerazione nel calcolo dei punti per i portali di notizie, il che andrebbe a vantaggio della diversificazione dell'informazione e delle piccole società di media.

Per valorizzare la musica prodotta in Alto Adige, le emittenti radiofoniche che trasmettono settimanalmente almeno il 3-6% di musica locale riceveranno una sovvenzione più elevata - in linea con i criteri approvati oggi. A tal fine i punti per la valutazione dei contributi saranno aumentati del 5% per una quota di trasmissione del 3% di musica locale tra le ore 5 e le ore 23, calcolato come media su base settimanale, e del 10% per una quota pari al 6%.

Per garantire la gestione più rigorosa dei forum online, i criteri previsti dalla Legge provinciale stabiliscono che gli utenti debbano fornire un numero di cellulare al momento della registrazione. Inoltre il Comitato provinciale per le comunicazioni deve essere informato sul riferimento del responsabile della moderazione redazionale. Se questi requisiti vengono disattesi si rischia l'esclusione dal finanziamento.

"I nuovi criteri creano maggiore trasparenza e garanzie", sottolinea l'assessore provinciale, Philipp Achammer. I termini e le responsabilità sono stati definiti con maggiore chiarezza. La premessa è stata l'esperienza acquisita negli ultimi anni dall'Ufficio commercio e servizi del Dipartimento provinciale dell'Economia nel processare le domande. Mentre l'Ufficio commercio e servizi si occupa della parte amministrativa del finanziamento dei media, il Comitato provinciale per le comunicazioni è responsabile della verifica dei requisiti di accesso. Il Comitato ha anche il compito di controllare almeno il 10% delle domande presentate per accertare la presenza di contenuti ammissibili e la conformità ai criteri. Questi controlli possono essere effettuati in qualsiasi momento su richiesta dell'ufficio provinciale competente e ogniqualvolta vi sia il sospetto che i contenuti e i criteri ammissibili non siano soddisfatti. Per accelerare l'elaborazione delle domande, il periodo di espletamento dei controlli è stato ridotto da 90 a 45 giorni.

Le imprese di informazione locali possono ancora presentare le loro richieste di finanziamento al Comitato provinciale per le comunicazioni fino al 31 luglio 2022. A partire dal 2023, invece, il termine di presentazione sarà il 31 maggio.


Vai alla versione originale del comunicato per visualizzare eventuali immagini, documenti o video correlati

ASP/jw/ses