Attualità

Argento vivo, due mostre raccontano l'Euregio di fine '800

Le due mostre "Pista!" e "Kneußl" documentano attraverso immagini d'epoca lo sviluppo dell'area dell'Euregio dopo il 1880. Focus sullo sci nel territorio alpino.

La famiglia Kneußl sul balcone della sua casa a Schwaz, luglio 1904. Da sx a dx: Anton, Elfriede, Adelinde, Erich (Fotografo: sconosciuto; Archivio Kneußl – TAP)

Come si sciava nell'Euregio alla fine del secolo scorso? Attraverso immagini di sciatori e piste da sci in Alto Adige, Tirolo e Trentino fra il 1880 e gli anni Sessanta del Novecento, rispondono a questa domanda le mostre fotografiche virtuali "Pista!" e "Kneußl". Le due mostre fotografiche sono visibili sulla pagina web del progetto Interreg "Argento Vivo. Fotografia Patrimonio culturale".

La storia dello sci nell’Euregio

Lo sci si è diffuso sulle Alpi a partire dal 1880 e dunque anche in Tirolo, allora territorio della corona asburgica. Lo sviluppo di tecniche e attrezzature adeguate al contesto alpino rispetto alla Norvegia, terra d’origine di questa disciplina, ha raccolto gradualmente un numero crescente di appassionati. La storia del diffondersi di questa passione, che passa attraverso la costruzione di nuovi impianti di risalita e il racconto cinematografico, è raccolta nelle immagini della mostra digitale "Pista!" attraverso le immagini di Associazione Archivio Tirolese per la documentazione e l’arte fotografica (TAP), Ufficio film e media della Ripartizione cultura tedesca e Archivio provinciale di Bolzano. La mostra è curata da Verena Malfertheiner della Ripartizione musei della Provincia, anch’essa partner del progetto.

Lo sviluppo del Tirolo in 5.000 foto

La seconda mostra nell’ambito del progetto Argento vivo mette a disposizione della collettività l’archivio fotografico della famiglia Kneußl, dalla quale prende il nome. Dal 2014 il fondo fotografico è in prestito permanente presso l’Archivio Tirolese per la documentazione e l'arte fotografica (TAP). Le immagini testimoniano momenti storici come l’inaugurazione dell’ospedale distrettuale di Lienz nel 1931 o la costruzione del Ponte Europa per l’autostrada del Brennero nei primi anni ’60.

Il progetto "Argento vivo" custodisce le fotografie storiche

Le due mostre fotografiche virtuali sono parte del progetto "Argento vivo. Fotografia patrimonio culturale", un’iniziativa congiunta fra l’Archivio Tirolese per la documentazione e l’arte fotografica (TAP), la Città di Brunico, l’Ufficio Film e media/Ripartizione Cultura tedesca e Archivio provinciale di Bolzano e dalla Ripartizione Musei della Provincia di Bolzano, supportata anche dall’Euregio Trentino-Alto Adige-Tirolo, dai musei del Land Tirolo e dal Tiroler Bildungsforum. Sulla pagina web del progetto Argento vivo si trova anche un database delle immagini e un archivio di pubblicazioni per l’approccio alla fotografica storica.

jw

Galleria fotografica